William Gibson e Pat Cadigan: il cyborg e le nuove configurazioni del corpo in una prospettiva comparata

Vita Fortunati, Eleonora Federici

Resumo


Il cyborg pone una grande sfida, perché rimodella la concezione stessa di umano. È un essere mutante, ibrido, un connubio di elementi tecnologici e biologici. L’idea stessa di ‘individuo’ muta e, inevitabilmente, le categorie tradizionali che servono a definirlo: genere, etnia, identità. I cyborg rappresentano un ponte tra i due mondi, un tramite, una soglia che permete il contatto tra l’umano e il ‘post-umano’. Esseri la cui identità non si identifica più con il solo ‘corpo biologico’ ma permette di collegarsi con i computers e di inserire nel loro cervello dati di vari ‘terminali’, impiantati direttamente nelle cellule cerebrali.
La produzione di scrittori e di scrittrici che hanno speculato sulle potenzialità euristiche dell cyborg, e sulle differenze di genere, è vastissima.


Texto completo:

PDF

Apontamentos

  • Não há apontamentos.