Teosofia e pensiero utopico: l’idea di una fratellanza universale

Luca Menconi

Resumo


Affrontando il tema dell’esoterismo, lo scopo del presente scritto è indagare le specificità utopiche di un fenomeno religioso peculiare e minoritario come la Teosofia di matrice blavatskyana. Nata in contesto anglosassone alla fine dell’Ottocento, essa si diffondeva in larga parte del mondo, grazie al carisma ed alla capacità dei suoi principali esponenti, facendosi portavoce di un invito alla fratellanza universale, senza distinzioni “di razza, credo, sesso, casta o colore della pelle”. La sua complessa cosmologia ed antropologia si esplicava con progettualità ambiziose atte a rinnovare l’economia, la vita politica, il sistema di detenzione e la pedagogia. Rimaste prive di effetti pratici, le elaborazioni della Società Teosofica in vista di una maggiore vicinanza all’interno del genere umano rappresentano, tuttavia, le significative aspirazioni di una piccola elitè sovranazionale, di non secondaria importanza per connotare le specificità del movimento.


Texto completo:

PDF

Apontamentos

  • Não há apontamentos.